Home>Newsletter>Report dal Congresso Attualità in Terapia Cardiovascolare 2023Lo screening opportunistico della FA: Il ruolo dei devices

Comment to Arrigo F.G. Cicero

Centro Ricerche su Ipertensione e rischio cardiovascolare, Dip. Di Scienze Mediche e Chirurgiche, Alma Mater Studiorum Università di Bologna U.O. Medicina Interna Cardiovascolare, Dip. Cardio-Toraco-Vascolare, IRCCS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna

Introduzione

La fibrillazione atriale (FA) è una delle aritmie cardiache più comuni, caratterizzata da un battito irregolare dell’atrio. Essa può portare a gravi complicanze come ictus e insufficienza cardiaca se non diagnosticata e trattata precocemente. In questo contesto, l’impiego di dispositivi medici per il riconoscimento precoce della fibrillazione atriale riveste un ruolo cruciale nella preservazione e gestione della salute cardiaca.

La Prevalenza della Fibrillazione Atriale

La FA colpisce milioni di persone in tutto il mondo, interessando in Europa fino ad 1/3 dei soggetti adulti con almeno un episodio nell’arco della vita. L’incidenza aumenta con l’età e col numero di fattori di rischio concomitanti, specie l’ipertensione arteriosa (Figura 1) (1). In questo contesto è essenziale aumentare la sensibilità al problema ed il riconoscimento dello stesso in un tempo più precoce possibile. Tuttavia, spesso la FA è asintomatica o i sintomi possono essere trascurati, rendendo la diagnosi precoce un’impresa complessa. È qui che entrano in gioco i dispositivi medici progettati per il monitoraggio continuo dell’attività cardiaca.

Dispositivi Medici per il Monitoraggio Continuo

I recenti avanzamenti nella tecnologia dei dispositivi medici hanno permesso lo sviluppo di monitor cardiaci portatili e indossabili. Questi dispositivi, come orologi intelligenti e monitor cardiaci patch, ma anche sfigmomanometri elettronici che consentano di rilevare con un certo grado di accuratezza il ritmo cardiaco, consentono un monitoraggio costante o almeno frequente dell’attività elettrica del cuore, fornendo dati in tempo reale o memorizzati per una successiva analisi.

Riconoscimento Precoce della Fibrillazione Atriale

Il riconoscimento precoce della FA è fondamentale per prevenire le complicanze associate. I dispositivi medici in grado di rilevare anomalie nell’attività cardiaca, come episodi di fibrillazione atriale, forniscono un mezzo efficace per identificare i pazienti a rischio. Il rilevamento precoce consente una rapida implementazione di interventi preventivi, come terapie farmacologiche o procedimenti di ablazione, riducendo così il rischio di eventi cardiovascolari gravi.

Benefici per la Salute Pubblica

L’impiego diffuso di dispositivi medici per il monitoraggio continuo della fibrillazione atriale offre numerosi vantaggi per la salute pubblica. La diagnosi precoce riduce i costi associati alle complicanze a lungo termine, migliorando la qualità di vita dei pazienti e riducendo l’onere sui sistemi sanitari. Inoltre, contribuisce a una gestione più efficiente delle risorse sanitarie attraverso la prevenzione di ricoveri ospedalieri non necessari. Infatti, la scoagulazione precoce dei pazienti affetti da fibrillazione atriale impatta in modo più che significativo sul rischio di invalidità e mortalità per cause tromboemboliche. Infatti sia ESC che EHRA suggeriscono fortemente l’impiego di questi devices, in un ampio numero di soggetti a rischio (Figura 2) (2).

Conclusioni

In conclusione, l’impiego di dispositivi medici per il riconoscimento precoce della fibrillazione atriale rappresenta un passo significativo verso una gestione più efficace delle malattie cardiache. La tecnologia moderna offre strumenti potenti per monitorare l’attività cardiaca in modo continuo, consentendo una diagnosi tempestiva e interventi preventivi. Investire in questi dispositivi non solo migliora la salute individuale ma contribuisce anche alla salute pubblica in generale, riducendo l’incidenza di complicanze legate alla fibrillazione atriale.

 

Bibliografia

  1. Hindricks G, et al; ESC Scientific Document Group. 2020 ESC Guidelines for the diagnosis and management of atrial fibrillation developed in collaboration with the European Association for Cardio-Thoracic Surgery (EACTS): The Task Force for the diagnosis and management of atrial fibrillation of the European Society of Cardiology (ESC) Developed with the special contribution of the European Heart Rhythm Association (EHRA) of the ESC. Eur Heart J. 2021 Feb 1;42(5):373-498.
  2. Svennberg E, et al. How to use digital devices to detect and manage arrhythmias: an EHRA practical guide. EP Europace, 2022;6: 979–1005.
Figura 1
Figura 2
Home>Newsletter>Report dal Congresso Attualità in Terapia Cardiovascolare 2023Lo screening opportunistico della FA: Il ruolo dei devices

Introduzione

La fibrillazione atriale (FA) è una delle aritmie cardiache più comuni, caratterizzata da un battito irregolare dell’atrio. Essa può portare a gravi complicanze come ictus e insufficienza cardiaca se non diagnosticata e trattata precocemente. In questo contesto, l’impiego di dispositivi medici per il riconoscimento precoce della fibrillazione atriale riveste un ruolo cruciale nella preservazione e gestione della salute cardiaca.

La Prevalenza della Fibrillazione Atriale

La FA colpisce milioni di persone in tutto il mondo, interessando in Europa fino ad 1/3 dei soggetti adulti con almeno un episodio nell’arco della vita. L’incidenza aumenta con l’età e col numero di fattori di rischio concomitanti, specie l’ipertensione arteriosa (Figura 1) (1). In questo contesto è essenziale aumentare la sensibilità al problema ed il riconoscimento dello stesso in un tempo più precoce possibile. Tuttavia, spesso la FA è asintomatica o i sintomi possono essere trascurati, rendendo la diagnosi precoce un’impresa complessa. È qui che entrano in gioco i dispositivi medici progettati per il monitoraggio continuo dell’attività cardiaca.

Dispositivi Medici per il Monitoraggio Continuo

I recenti avanzamenti nella tecnologia dei dispositivi medici hanno permesso lo sviluppo di monitor cardiaci portatili e indossabili. Questi dispositivi, come orologi intelligenti e monitor cardiaci patch, ma anche sfigmomanometri elettronici che consentano di rilevare con un certo grado di accuratezza il ritmo cardiaco, consentono un monitoraggio costante o almeno frequente dell’attività elettrica del cuore, fornendo dati in tempo reale o memorizzati per una successiva analisi.

Riconoscimento Precoce della Fibrillazione Atriale

Il riconoscimento precoce della FA è fondamentale per prevenire le complicanze associate. I dispositivi medici in grado di rilevare anomalie nell’attività cardiaca, come episodi di fibrillazione atriale, forniscono un mezzo efficace per identificare i pazienti a rischio. Il rilevamento precoce consente una rapida implementazione di interventi preventivi, come terapie farmacologiche o procedimenti di ablazione, riducendo così il rischio di eventi cardiovascolari gravi.

Benefici per la Salute Pubblica

L’impiego diffuso di dispositivi medici per il monitoraggio continuo della fibrillazione atriale offre numerosi vantaggi per la salute pubblica. La diagnosi precoce riduce i costi associati alle complicanze a lungo termine, migliorando la qualità di vita dei pazienti e riducendo l’onere sui sistemi sanitari. Inoltre, contribuisce a una gestione più efficiente delle risorse sanitarie attraverso la prevenzione di ricoveri ospedalieri non necessari. Infatti, la scoagulazione precoce dei pazienti affetti da fibrillazione atriale impatta in modo più che significativo sul rischio di invalidità e mortalità per cause tromboemboliche. Infatti sia ESC che EHRA suggeriscono fortemente l’impiego di questi devices, in un ampio numero di soggetti a rischio (Figura 2) (2).

Conclusioni

In conclusione, l’impiego di dispositivi medici per il riconoscimento precoce della fibrillazione atriale rappresenta un passo significativo verso una gestione più efficace delle malattie cardiache. La tecnologia moderna offre strumenti potenti per monitorare l’attività cardiaca in modo continuo, consentendo una diagnosi tempestiva e interventi preventivi. Investire in questi dispositivi non solo migliora la salute individuale ma contribuisce anche alla salute pubblica in generale, riducendo l’incidenza di complicanze legate alla fibrillazione atriale.

 

Bibliografia

  1. Hindricks G, et al; ESC Scientific Document Group. 2020 ESC Guidelines for the diagnosis and management of atrial fibrillation developed in collaboration with the European Association for Cardio-Thoracic Surgery (EACTS): The Task Force for the diagnosis and management of atrial fibrillation of the European Society of Cardiology (ESC) Developed with the special contribution of the European Heart Rhythm Association (EHRA) of the ESC. Eur Heart J. 2021 Feb 1;42(5):373-498.
  2. Svennberg E, et al. How to use digital devices to detect and manage arrhythmias: an EHRA practical guide. EP Europace, 2022;6: 979–1005.
Figura 1
Figura 2

Contenuti correlati

  • Sempre più studi, nel corso degli ultimi anni, hanno evidenziato un ruolo indipendente dell’obesità per lo sviluppo di fibrillazione atriale (1). I dati delle coorti di Framingham e del Women’s Health Study dimostrano una stretta relazione tra incremento del peso corporeo e rischio di sviluppare fibrillazione atriale (2,3,4). Vari studi hanno evidenziato che circa il [more info]

  • La prevalenza di fibrillazione atriale è circa due volte maggiore nei pazienti diabetici rispetto ai soggetti non diabetici (1) e la sua incidenza aumenta progressivamente con la severità delle complicanze microvascolari del diabete, come retinopatia e malattia renale (2). La stretta associazione tra fibrillazione atriale e diabete mellito trova il suo substrato fisiopatologico nella frequente [more info]

  • L’impatto clinico della fibrillazione atriale è particolarmente rilevante nell’anziano. Il rischio di ictus ischemico nella popolazione con fibrillazione atriale, infatti, è 5 volte maggiore rispetto alla popolazione generale con una diretta responsabilità di questa aritmia su circa il 20% di tutti gli eventi ischemici cerebrali sintomatici, percentuale che nei pazienti anziani ultraottantenni sale al 25-30% [more info]